numero magico

Incredibile come un numero su una bilancia possa renderti felice.
Questo fine settimana da una scala da 1 a 10 sono stato attento alla dieta 7, eppure grazie allo sport di ieri, oggi dopo tanto tempo il numero magico sulla bilancia.
Mi son ripesato una seconda volta.
Identico.

Son contento.
Si smuove qualcosa, domani (come al solito) ci risarà il salto verso l’alto.

Mi riviene in mente il libro di Eugenio del Toma: La dieta si fa contando i passi.
Una frase magica che spiega la gestione più semplice di qualsiasi dieta:
Lascia perdere il controllo di cosa stai mangiando, controlla quanto ti stai muovendo.

Magari chi leggerà questo post farà un sorriso, ma è tanto vero.

Chiunque si mette a dieta sa in cosa sbaglia.
La bacchetta magica non esiste, io ho imparato che mi devo fare poche domande ogni giorno:
• Hai mangiato pulito?
• Ti alzi da tavola con un po’ di fame?
• Ti metti a letto con un po’ di fame?
• TI sei mosso oggi?

Provate a rispondere anche voi a queste domande, se sono affermative tutte e quattro dimagrite.

Allego un video ILLUMINANTE del project Invictus:
Non riesco a dimagrire: ecco la causa

Annunci

94.8 – 11042018 – lo sgarro della sera

Pubblicato: aprile 11, 2018 in Diario

Ieri sera ho fatto casino con la dieta.
Scrivendo il diario alimentare ho notato che sgarro spesso la sera, soprattutto il martedi sera e il venerdi sera: I giorni in cui sono più stanco e meno pronto a seguire la dieta.

Essere a dieta è una condizione mentale di volontà incredibile.
Dici: ho il metabolismo fermo… In realtà hai la forchetta veloce.
Questa frase mi fa ridere.

Mi devo mettere a far sport, posso continuare la dieta all’infinito, ma preciso con le calorie non ci sarò mai.
Impegnarmi, allenare la volontà
Inserire una routine quotidiana che dopo 21 giorni diventerà abitudine… 21 giorni… 3 settimane…

Routine quotidiana che ho iniziato questa settimana: A PRANZO NIENTE PANE.
Mi sono dato questo traguardo, proviamo…

Il prossimo post me ne invento un’altra.

95 – 29.03.2018 – feste tante feste

Pubblicato: marzo 29, 2018 in Diario

Feste tante feste…
L’altra sera ho avuto paura.
Ho avuto paura che questo dolore al petto non fosse come le altre volte l’ernia iatale (che mi dà fastidio), Tutte le volte che si presenta questo dolore…
Ogni volta è diversa dall’altra…

Ho fatto tantissimi controlli: al cuore, ecografie addominali
Tutti i risultati portano sempre allo stessa conclusione: devi dimagrire ! Per stare meglio devi dimagrire!

Ci provo, continuo, ci provo.
Poi si incontrano questi periodi in cui ci sono feste
Feste tante feste…
Quei piccoli risultati che raggiungo in pochi giorni vengono come vanificati.

Forse ho poca volontà, forse non fa per me perdere peso.

La nutrizionista, stupita dai cambiamenti istantanei del mio corpo, mi ha fatto notare una cosa:
così come guadagno peso velocemente, alla stessa maniera lo perdo velocemente

Il tutto porta sempre lo stesso risultato: volontà, impegno, voglia di riuscire.

Sono sempre stato al gioco: un tipo molto combattivo.

Sarà che con mio fratello, ho sempre avuto questa voglia di giocare e mettersi a confronto.
Devo raggiungere la stessa grinta, anche nella vita quotidiana non solo nel gioco.

Feste tante feste…

94.6 – 28032018 – il dolore al petto

Pubblicato: marzo 28, 2018 in Diario

Il peso continua a scendere.
Sono molto contento, sembra che la dieta stia avendo i suoi frutti. Tante volte mi fermo a pensare cosa può succederti nella vita, penso alla morte di Frizzi di questo periodo (giovanissimo a 60 anni appena compiuti), penso spesso a questi dolori che ho a causa dell’ernia iatale, che sembrano dolori da infarto.
Ieri sono stato malissimo tanto che sono dovuto tornare dall’ufficio per allungarmi un po’ a letto. Ho questi dolori, tante volte molto simili a tutti gli effetti di un infarto: dolore al petto, il braccio che formicola, la tremarella, pressione bassa.

Quando sto in questa situazione mi fermo a pensare cosa potrebbe accadere alla mia famiglia, e se non fosse lo stomaco… … Diciamo che il mio obiettivo di questo periodo è cercare di stare meglio. Tanti Medici dicono che basta scendere di peso e stai molto meglio, dimagrendo si riduce lo stomaco e si riduce l’ernia iatale

Voglio stare bene per mia moglie, mia figlia… voglio stare bene per me. Voglio farmi una foto e ripensare (è capitato tempo fa) ma quanto ero magro?!?! Sto notando dei cambiamenti nel mio corpo questi giorni, vedo quel pantalone che mi scende meglio, quel maglione che mi stringe meno. Sono diventato grasso dopo i 18 anni, quando ho smesso di fare sport a causa degli impegni della scuola, dell’Università. Gli amici si andavano allenare e io dovevo studiare… Il fatto è che puoi anche non mangiare per giorni, per mesi, ma se non metti una sana attività fisica che rialza il metabolismo è inutile stare a dieta. I primi chili li perdi facilmente, perché perdi liquidi. Ma se non aumenti la massa magra (il muscolo) non aumenta il metabolismo. Tanti parlano di metabolismo basso, di metabolismo fermo, in realtà quelli ciò che è fermo sono piedi, le pance sopra i divani, i culi sopra i divani. Bisogna motivarsi a fare sport, cercare di muoversi, parte la telefonata fare una piccola camminata

Sta cosa del del diario potrebbe avere i suoi vantaggi, forse scarica un po’ di tensioni, molto spesso ascolto il canale YouTube del dottor Filippo Ongaro un video parla del diario giornaliero che è un modo per ripensare a quello che hai fatto, scaricare un po’ di tensioni. Non so se questo potrebbe essere utile magari…

Va bene con questo vi saluto vi chiedo di lasciarmi anche solo un saluto che mi fa piacere. Ci leggiamo domani

95.6 – 27.03.2018 – di nuovo a diets

Pubblicato: marzo 27, 2018 in Diario

La bilancia scende, segno che come al solito lo sport fa breccia nel mio corpo (ieri un’ora di calcio con gli amici di una vita).
Oggi sono stanchissimo, mi fa male enormemente la caviglia tanto che zoppico vistosamente.

Sto leggendo un libro sull’approccio alla dieta, l’ennesimo libro sulla psicologia di approccio alle diete.

Son rimasto colpito da una frase (lo sto leggendo in inglese, perchè in formato ebook non c’era)

Il tuo approccio alla dieta deve essere identico al tuo approccio a un corso di tennis.
Prenderai un insegnante di tennis che ti spiegherà I fondamenti, giocherai e poi con l’allenamento migliorerai sempre più, in funzione del tuo entusiasmo e della tua volontà.
Certo non riuscirai a vincere tutte le partite. Delle volte uscirai sconfitto, ma se hai volontà continuerai ad allenarti.

Così la dieta: prenderai un dietologo/nutrizionista che ti spiegherà le basi. Lo seguirai, avrai dei scivoloni, che non ti dovranno abbattere. Con la tua volontà migliorerai se saprai “allenarti” a dovere.

Se mi rispondete o commentate l’articolo, vi scrivo anche il titolo del libro.

Seguitemi, sapere che qualcuno legge I miei pensieri mi aiuta a continuare in questo percorso di dimagrimento.

96.5 – 26.03.2018

Pubblicato: marzo 26, 2018 in Diario

È un bel po’ che non scrivo. È passato qualche anno veramente. Internet è cresciuta. Sono cresciuto io.

Do a questo diario un po’ di importanza.

Sto andando da una nutrizionista.

Per assurdo sono due chili (2.5 😋) in più di quando iniziai questo diario un po’ di tempo fa.

Cosa è accaduto nel frattempo?

Una famiglia. Una figlia che amo più della mia vita. Una moglie che mi adora.

Perché a dieta?

Perché voglio stare meglio. Perché me lo merito. Perché voglio stare meglio per la mia famiglia.

Oggi ho trovato il tempo per scrivere qualcosa.

Domani proseguo, magari nella strada x tornare a casa

no_scusefBilancia di oggi: 94.4
Breve commento:
Nonostante tutto ancora stesso peso. Ieri scivolone grande, ma alla fine mi son mantenuto il peso fino ad ora raggiungo

Leggi il seguito di questo post »